12 Aprile 2024
Zirkzee: Sommer ha ammesso l'errore

La Juve senza Chiesa ma con Rabiot

Federico Chiesa si ferma, torna Adrien Rabiot. Le novità sostanziale in casa Juve sono queste. E sono novità pesanti. In positivo a centrocampo, con Rabiot che riprenderà subito il suo posto in mediana dopo lo stop forzato con il Genoa:

un innesto fondamentale per gli equilibri bianconeri e il gruppo ricompattato da Max Allegri. In negativo in attacco, perché dopo Moise Kean anche Chiesa rientra in infermeria costringendo la Juve a giocarsela con le punte contate: restano Dusan Vlahovic e Arek Milik oltre al baby talento Kenan Yildiz.

E in fondo il dubbio è tutto qua, considerando come i diffidati (tanti e pesanti, Danilo e Gatti, Locatelli e Cambiaso) non dovrebbero condizionare più di tanto le scelte del tecnico bianconero che pure almeno un cambiamento dovrebbe concederselo in difesa: Alex Sandro verso una maglia da titolare, Weah pure può insidiare Cambiaso e Kostic.

Ma il dubbio, come detto, è soprattutto in attacco. Perché in teoria ma pure in pratica Allegri non potrà non puntare sulla coppia Milik-Vlahovic, ma allo stesso tempo ormai da qualche giorno considera seriamente la pazza idea di lanciare subito Yildiz: difficile, non impossibile, in ogni caso almeno un ampio spezzone è previsto per il turco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *