17 Aprile 2024
Zirkzee: Sommer ha ammesso l'errore

Inter-Udinese 4-0: Calhanoglu, Dimarco, Thuram e Lautaro

Un copione che ormai abbiamo imparato a conoscere bene, che non sorprende più: la Juventus vittoriosa nell’anticipo, l’Inter che risponde presente e si riappropria della vetta, confermandosi la favorita numero uno per una lotta Scudetto che rischia di non interessare il Milan, sconfitto a Bergamo e scivolato a -9 dai cugini.

Ai nerazzurri basta il finale del primo tempo per mettere le cose in chiaro e far capire all’Udinese che questa non è serata, che le partite in cui far punti saranno altre.

Dominio incontrastato dei vice-campioni d’Europa che, fin dai primi minuti, assaltano la porta del povero Silvestri, salvato dal palo sull’incornata di Lautaro e bravo a disinnescare il destro non molto insidioso di Dimarco.

I friulani si affacciano dalle parti di Sommer soltanto grazie ad uno spunto di Samardzic che premia l’inserimento di Pereyra, il cui tiro di prima intenzione difetta in precisione.

Nel giro di sette minuti, tra il 37′ e il 44′, l’Inter mette in ghiaccio i tre punti: Calhanoglu si conferma una sentenza dagli undici metri, Dimarco e Thuram fanno scorrere i titoli di coda anticipati sulla contesa di San Siro.

La ripresa è di pura gestione per i nerazzurri, colpiti da Lucca che però è in fuorigioco al momento del tiro di Lovric, respinto non alla perfezione da Sommer. Nel finale c’è gloria anche per Lautaro, al 14° sigillo del suo campionato.

Il focus, ora, si sposta inevitabilmente sulla sfida alla Real Sociedad, valevole un altro primato non meno importante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *